Storie - Piccino Picciò Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storie

Piccino Picciò

C'era una volta.....


La storia che vi voglio raccontare è la storia di Camilla, di Anna, di Martina, di Francesco, di Lorenzo, di Niccolò e di tutti quei bambini che per chissà quale ragione sono nati troppo presto.


Trovo ogni tanto "pezzi" di questa storia in giro nella rete. Mi fa piacere e ne sono orgogliosa. Ma è un pezzo di vita, iniziata con la nascita di mio figlio e continuata con i genitori e i bambini che ho incontrato in questi anni. Non è stato facile scriverlo, ma soprattutto lo sento molto mio e di Piccino Picciò.  Mi farebbe molto piacere, nel caso la storia venisse usata, tutta o in parte, che fosse citata la fonte.  

Grazie, Monica. 

Dal tiepido mare che li accoglieva nella pancia della loro mamma si sono trovati, nel giro di pochi minuti in....un'altro pianeta. Innanzi tutto l'acqua era sparita, faceva freddo e c'erano dei rumori assordanti un sacco di gente che si agitava, insomma non capivano bene cosa fosse successo.

"..Questa voce......ricordo di averla sentita, è della mia mamma, ciao mamma sono io, ricordi quante chiacchierate insieme?.......Sai mamma, mi sento molto debole, ho freddo, quando ero nella tua pancia stavo al calduccio, nuotavo ma ora......ma non ti disperare, sono molto contento di sentire la tua voce, vorrei vedere il tuo volto ma ci sono questi signori che ........si, si stanno occupando di me e sono un pò preoccupati, in effetti non sto bene, però........solo un attimo, fatemi vedere la mia mamma!

Niente da fare, mi hanno lavato, sistemato mi stanno aiutando a respirare, sai mamma da solo non ce la facevo.....vorrei sapere che cos'è questo tubicino che ho nel naso, in effetti quando funziona non ho fame, però che fastidio.

Qui ci sono tanti bambini come me chiusi in questa casetta tutta trasparente, è bella ma è bello anche quando la coprono e io riesco a dormire, ci sono tante tate che si prendono, cura di me, mi accarezzano mi coccolano......ma tu mamma dove sei? Anche il mio babbo è venuto a trovarmi e passa molto tempo con me mi racconta un sacco di cose carine e mi manda sempre tanti baci da parte tua ma io ho voglia di vederti.

Sai mamma, ogni tanto mi fanno le punturine però mi danno il ciuccio, mi coccolano e mi fanno tante carezze, poi c'è una tata che mi fa stare benissimo, mi avvolge tutto con dei telini morbidi morbidi e mi sembra di stare di nuovo nella tua pancia al calduccio.

Ho sentito la tua voce, stai arrivando, mi avranno pettinato oggi? Spero di essere a posto.......Mamma, finalmente, non sai quanto sono contento di vederti.......no mamma, non piangere non preoccuparti. lo so mi immaginavi diverso ma vedrai che migliorerò, sai mi stanco tanto, vorrei dirti tante cose ma...........ora non ce la faccio più. Si, mamma il suono di questo "coso" è noioso, ho sentito che lo chiamano monitor, però non guardare sempre lui, sei venuta per me.....Anche tu mamma lo so sei stanca, non stai molto bene, però vedrai ce la faremo.

Sai mamma, in questi giorni ho fatto tanto preoccupare i dottori e anche te e il mio babbo, facevo tanta fatica a respirare, a mangiare e anche a farmi cambiare. Sai mamma, io ho cercato di dirlo a tutti, forse non mi hanno capito, io.....volevo stare con te, più stavo male e più avevo bisogno di sentirti vicino. Tu non devi impressionarti, sono il tuo bambino e quando ci sei tu, quando c'è il mio babbo, anche quando sto male, mi sento meglio. Mi basta sentire la tua voce sapere che ci sei.

Finalmente è arrivato il gran giorno! Le mie care tate oggi mi hanno detto faremo ....come si chiama? insomma io dovrò fare il piccolo canguro! Chissà cosa vuol dire. Mamma, è bellissimo, tu come stai? io sto molto bene, sento il tuo cuore battere, è quasi come stare di nuovo nella tua pancia... sai mamma, ho deciso, da grande farò il canguro!

Ora mi sono un pò stancato, torno nella mia casina, però mamma tu non andare via, stai ancora un pò con me........perchè ti dicono che l'orario di visite è finito? Io sono un bambino e voglio stare con la mia mamma e il mio babbo! Lo so, le tate corrono sempre, sono poche per tanti bambini e di dottori.......vedo sempre le stesse facce, mamma e babbo fate qualcosa per aiutarli però anche loro devono farmi stare con i miei genitori.

Uffa, questi rumori non li sopporto più, non c'è un attimo di pace! gli oblò che si aprono e si chiudono sono come tuoni all'improvviso, il monitor suona, le pompe suonano, Voglio dormire! Non vedete che mi agito, allungo le braccia, apro le mani, distendo le gambe in aria, questo è il segno che voglio essere lasciato in pace, il pannolino cambiatemelo fra un pò, coccolatemi, contenetemi, fatemi fare un pisolino e al risveglio vedrete che sarò di ottimo umore.

Oggi ho fatto il cangurino con il babbo, abbiamo parlato di sport, di macchine, insomma mamma roba da uomini! A forza di parlare di sport con il babbo mi sono sentito forte e......mi sono tolto il tubicino dal naso! Ora incomincio a stare meglio ed ho più forza, urlo e strepito quando le cose non vanno come dico io, vedrai a casa mamma, tutti ai miei ordini!

Sai mamma, io vorrei fare come Filippo, lui sta dalla sua mamma a fare il cangurino, poi mi ha detto che mangia anche, come è possibile..., io il tubicino non lo voglio più, ora sono grande abbastanza, mi vergogno i miei amici mi prendono in giro!

Babbino mio, che fatica! Oggi la mamma mi ha fatto mangiare con un coso, ho sentito che si chiama bibe....biberon. Mi sono stancato tantissimo e il monitor ha suonato parecchio, però se mi alleno....io il tubicino non lo voglio più e vedrai che ci riuscirò!

Sono un atleta! ora sgambetto come un grillo, so mangiare al biberon e quel rompi del monitor non suona più, mi aspetto un avanzamento di carriera, voglio andare nel lettino!

So che ancora non potrò venire a casa, comunque nel lettino è un pò più tranquillo, in questa stanza c'è meno confusione ma c'è sempre lo stesso problema, sto troppo poco con te e con il babbo!

Forse i diritti dei bambini vanno a peso, se io fossi un lattante ( eppure il latte lo prendo anch'io)avrei diritto di stare con la mia mamma ma sono nato troppo presto e mi volete punire per questo?

In questo reparto sto molto bene, voglio molto bene a tutti e tutti ne vogliono a me, si dispiacciono se sto male e sono felici quando faccio progressi, però...........voglio la mamma!

Sarà vero davvero? ho sentito una tata dire che oggi vado a casa, io spero tanto che sia così, sono curioso di vedere casa mia, la mamma e il babbo me ne hanno parlato mi hanno detto che hanno dovuto correre tanto in questi giorni per comprarmi tutte le cose, dipingere la mia stanza, insomma non avevano preparato niente, non erano pronti, cosa credevano che volessi stare per sempre qui?

Però un pò mi dispiace, lascio i miei amichetti e le mie amichette, anche se le nostre mamme hanno detto che ci rivedremo presto, sono diventate molto amiche anche loro, il lunedì non arrivano mai dicono che vanno ad alcuni incontri e che chiacchierano di un sacco di cose interessanti. Ci sono loro, i medici, le tate, la tata dei telini e un'altra tata che mi dovrà controllare se cresco bene.

Ci siamo, è arrivato il momento, mi hanno messo in una specie di ovetto, tutto vestito da capo a piedi, ho tanto caldo, se non andiamo via......mamma, babbo, che fate piangete? Vi dispiace andare via da qui? Avete ragione per un bel pò di tempo questa è stata la nostra casa e la nostra famiglia, anche a me dispiace ma.....voglio vedere com'è fatto il mondo, voglio vedere il colore dei prati, del cielo, della neve, voglio vedere le cose delle quali mi parlavate sempre e voglio conoscere il resto della famiglia, magari quello un pò alla volta, non vorrei che qualcuno avesse l'influenza! Ho voglia di stare un pò da solo con voi a ....coccolarci come tutte le famiglie normali!

Allora? siamo pronti? possiamo andare? Eccomi mondo, sto arrivando, oggi nasco di nuovo!



Anche i bambini nati troppo presto hanno il diritto di stare con i loro genitori, in Italia ci sono alcuni reparti di Terapia Intensiva Neonatale che hanno l'accesso al reparto 24 ore su 24. Ancora troppo pochi. Non si può aprire il reparto 24 ore senza un'adeguata formazione all'apertura, ma è necessario iniziare un percorso che abbia questo scopo quanto prima.  Non si può negare ai genitori e ai bambini un diritto fondamentale come questo.  Sia i genitori che gli operatori devono lavorare,  per raggiungere questo scopo. Serve l'impegno dei genitori e la tenacia e la volontà che distingue gli operatori che lavorano nei reparti di Terapia Intensiva Neonatale. Mi auguro che il mio sogno e il sogno di ogni altro genitore che ha avuto il bambini ricoverato in T.I.N si avveri presto.

Monica Ceccatelli Collini - Presidente Associazione Piccino Picciò


 
Torna ai contenuti | Torna al menu